Pagelle Bari-Milan
Scritto da Roberto Cavassa   
Lunedì 08 Novembre 2010

IL MILAN OPERAIO
NON SCIOPERA IN PUGLIA

GRAZIE AL SACRIFICIO DI TUTTI
PORTIAMO A CASA LA VITTORIA…
TROPPO SPRECONI

ABBIATI 5.5 : Minuto 42° tocca la palla su Pulzetti e ci fa toccare le nostre al 45°, pure pregare per chi crede, gli altri strizzando si fanno un pompelmo all’arsenico. Esce dalla porta come un terzino o come il vecchio Zenga per inveire contro l’assistente dell’arbitro toccando il barese in uscita, RIGORE NETTO, Bergonzi non vede, il guardalinee non sente. Nel raddoppio, vero che il tiro e’ ravvicinato ma lui mi sembra una soletta incollata alla scarpa, UN PO’ IMPIANTATO, INCHIODATO

ABATE 6 : Butta via al 10° una palla pericolosa in area, il ragazzo e’ attento, sale come vuole il mister e con la squadra pressa alto, piu’ basso a fine tempo dove il Bari cresce. Fa il cafu’ al 66° lungo la retta via del diretto Nagoya-Kyoto. Il fine gara lo passa dietro e cerca di non far vedere a Parisi il paradiso, gli permette un week-end solo, hotel ad una stella, bagno comune e gas nervino, BRAVO ABATINO

ZAMBROTTA 6 : Alvarez e’ un brutto cliente, viene cercato spesso, lui ci mette mestiere ma un po’ soffre. Nella ripresa si aggrappa al negretto che lo fa sudare, vederlo fare cose turche non e’ facile, ma se cade nel buco l’aiuto io a non cadere dentro allo scarico. DIFFICILE TROVARLO SUL PODIO, ANCHE LA MAGLIA NERA NON LA CONOSCE, NEL GRUPPO CI STA BENE

NESTA 6+ : Al 13° non vince la schedina ma evita in drop un pericolo certo, intervento poi in spaccata esagerata e al 40° si immola al limite per soffocare un fulmine. Nel primo gol si fa portare fuori da Alvarez e poi SPLENDIDAMENTE salva al 69° in scivolata su Barreto che voleva fare nero il becchino. Buone cose fino al gol, tiene in gioco e sbaglia. LA SOFFERENZA FINALE NON E’ COLPA SUA, LI’ POTEVA FARE MEGLIO

YEPES 6 : La prima palla che riceve da Nesta la raccoglie molto bassa, e’ un po’ preoccupato, al 25°  fa un ottima diagonale su Alvarez fuggito da Zambro. Aiutooooo al 35°, perde Barreto davanti ad Abbiati, l’uccide con un accidente in colombiano e gli stronca le gambe. Al 49° di testa intercetta un taglio importante, al 52° scivola bene e salva. Nel loro gol non e’ attento sul russo, si trova fermo invece che in movimento come dovrebbe essere, mette il sedere per terra e con la bandiera bianca alza le braccia senza mutande. Sale bene nel raddoppio barese e all’ultimo respiro manda in calcio d’angolo dopo una fesseria di Ibra. PER IL NARCOTRAFFICO ASPETTA UN ATTIMO… PUOI SERVIRE

FLAMINI 7 : Parte in tromba, non e’ Banfi col palloncino dentro che soffia, e’ un vecchio disco di Miles Davis. 30°, e’ l’ora del francese, MIRACOLO, SEGNA di cucchiaio e non ha ancora mandato all’ospedale nessuno, forse qualche tifoso dopo un infarto. Bello vederlo cosi’, finalmente direi, viene intervistato a fine partita e non picchia nemmeno il giornalista, oggi e’ un giorno nuovo da scrivere nella bacheca di milanello e nell’album ricordo di maggio. Sfiora il raddoppio con un tiro vero, NON SI FA AMMONIRE, INCREDIBILE EVOLUZIONE, DA MARVIN HAGLER A CAPPUCCETTO ROSSO, SE IL PRESIDENTE CONSENTE L’ACCOSTAMENTO…

RINO 6.5 : Per lui rincorrere e’ il pane, rubare palloni e’ un cognac dopo una sviolinata nel letto. Nel secondo gol strappa la palla e fa ripartire l’azione, determinante. La fascia con Abate e’ un buon pilastro del nostro ornamento difensivo, Rivas gioca 15 minuti e poi chiede il cambio, IL GENDARME RINO’ CONTROLLA IL TRAFFICO CON IL MANGANELLO

AMBROSINI 7+ : Parte con il ciuffo di un bambino a scuola e il grembiulino, non si scompiglia quando spiega alla maestra cosa vuol dire segnare e portare la fascia, BENTORNATO CAPITANO. 1-0 e palla al centro.. Quanti contrasti vincenti e quante cose giuste, IL PADRONE DELL’11 ROSSONERO, IL MIGLIORE A BARI

SEEDORF 6.5 : Lecca dallo spicchio dell’area un pallone radente che Ambro, bravo a prendere il tempo, insacca tra le urla di noi tifosi. Al 25° di tocco mette un pallone invitante per zanzarinho che sbatte in un parabrezza di una macchina. Al 45° in sofferenza lo trovi esterno a dx in aiuto, bravo. La ripresa lo vede dal distributore per fare self, e’ come la tribuna di Trieste, finta, corre a singhiozzo come avesse un sasso nell’esofago. Ha il tempo su un’ottima giocata di Zambro per lanciare in mezzo con Ibra solo ma incoccia sul difensore. Prima di morire affaticato mette l’ennesimo pallone per Binho che non trovo aggettivo per commentare in questo maldestro pallonetto. E’ COME LA BATTERIA DELL’IPHONE, DI BUONA QUALITA’, MA DURA POCO… ATTACCHIAMOLO ALLA BATTERIA DI UN TIR

ROBINHO 5 : Parte subito a pressare e quasi arriva al tiro dopo varie finte. Al 16° salta l’uomo, la passa ad Ibra che calcia alto, continua ad attaccare i difensori come non siamo abituati. Inizia la processione dei gol mancati, tira addosso a Gillet. STREPITOSO CONCETTUALMENTE al 28°, da seconda punta lo troviamo al limite dell’area mettersi davanti al fuciliere barese dopo un colpo di testa di Nesta ad uscire. La sagra continua al 29°, calcia a lato da dentro l’area. Da picchiare al 56°, vuol fare l’Americano, ma non e’ Carosone, ma un … scusate,“coglione”. Esce al 62esimo come i gol divorati.OTTIMO NEL SACRIFICIO, UN CARCIOFO PER UN CYNAR SCADUTO DAVANTI ALLA PORTA, SE LO BEVI STAI UN GIORNO SUL WATER. SE TI VEDESSE CALINDRI…

IBRA 6 : Calcia alto all’inizio, ma il lavoro e’ prezioso, tiene la palla e svaria pure, confeziona il pacco nel gol dove il francese mette il fiocco. 53° arriva davanti alla porta, non la passa in mezzo e calcia male un pallone invitante. L’accoppiata svedese–francese si ripete al 64° dove il marsigliese calcia convinto e bene, bravo il portiere. Lo troviamo di testa al 77° in area, che prezioso giocatore, meno goleador, piu’ rifinitore nel Milan. Il tempo per il tiro di un chihuahua c’e’. ERRORACCIO A FINE PARTITA, calcia per Pato in fretta invece di congelare il risultato, per colpa sua rischiamo su un inutile corner. SERVI MERAVIGLIOSAMENTE ALLA CAUSA, PIU’ CATTIVO DAVANTI ALLA PORTA                                                                                              

PIRLO S.V. : 75°entra per mettere nel marsupio il pallone, il cangurino di Brescia da ordine tra l’attacco e la difesa, lancia Ibra sulla fascia che solo sbaglia l’appoggio, altra palletta per Pato. IL RIPOSO SERVIVA, PURE IN QUEI POCHI MINUTI COME RAGNATELA…

PATO 6.5 : 71°, che non e’ un bel numero a Napoli lui lo trasforma in una cioccolata in tazza, stop esatto, finte esatte, tiro esatto. 82°GRANDE, METTE IL CORPO DAVANTI AL MURATORE BARESE IN DIFESA, MAI VISTO PRIMA, COSI’ SEMPRE, GRAZIE. Rimarco per l’abitudine a farsi saltare malamente nei contrasti. 85° da la palla ad Ibra che fa il solito colpo di piatto che sembra adatto per un budino scaduto. DALLE CARTE AD ESSERE DETERMINANTE TU FAI PRESTO COME UN CONCORDE CHE SI GIRA SULLA PISTA, NOI SIAMO IN FONDO E TI ASPETTIAMO VINCENTE, SOLO TU PUOI DECIDERE QUALE MEDAGLIA, QUALE SCONFITTA. ANIMO. GIOCARE L’ESTRATTO A BARI, NON E’ IL MORTO CHE PARLA,IL 72, NA’’’’’’’ MARAVIGLIA

ALLEGRI 7 : ASCOLTAMI, CARO MISTER… GUARDAVO LA PANCHINA E APPLAUDIVO, DINHO RIDEVA, PATO GIOCAVA, PIRLO DORMIVA E JANKU ANCORA VIVO SENZA OSSIGENO. IL PAPA L’HAI FATTO SCALDARE SAPENDO CHE NON L’AVRESTI MAI FATTO SALIRE E LUI E’ RIMASTO CONTENTO DELLA RIBALTA SOLO IN MEZZO AI DUE TEMPI. SOLO PIPPO AVEVA IL MUSO, MA PRETENDERE A 37 ANNI ANDREI PIANO, STAI SERENO PIPPONE, TURNOVER GIUSTO. MARIO YEPES HA RISPOSTO CHE DROGHE NON NE HA, FLAMINI’ CHE TI FARA’ RISPARMIARE LA SOLITA ELIMEDICA ED ESPULSIONE, CHE SEEDORF DALLE ROTAIE CON LE ORECCHIE AD ASPETTARE IL TRENO PUO’ ESSERE UTILIZZATO CON LA GABBIA DIETRO, TIENE SOLO UN TEMPO PERO’, MA MEGLIO DI NIENTE. PALERMO E’ VICINO, IL DERBY IN FONDO ALLA STRADA, SPERIAMO DI NON FORARE… OGGI,COMPLIMENTI, HAI MESSO LE GOMME GIUSTE


 

MD in all World's language
 
MD in your language
MD em sua língua
MD dans ta langue
MD en su lengua
MD in Ihrer Sprache
MD 在您的語言
MD in uw taal
MD στη γλώσσα σας
あなたの言語の MD
당신의 언어에 있는 MD
MD в вашем языке
MD i ditt språk

Pubblicitá
 
Milan Day TIME
 
 

=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=