31.01.2010

Il commento della 22^ giornata di Gianpiero Sabato

 

Nella giornata dei pareggi (6 su 9 partite disputate) vince chi non gioca (l’Inter che non subisce danni dal rinvio della sua gara a Parma) e la Roma di Ranieri, capace di vincere una partita complicatissima nel finale (ancora una volta) e di agganciare nella piazza d’onore un Milan ancora convalescente dopo la batosta del derby. La squadra di Leonardo si fa imbrigliare dal Livorno e non approfitta, al di là della Roma, dello stop delle prime inseguitrici della zona Champions, Napoli e Palermo, bloccate negli anticipi del sabato. Senza vittoria anche l’esordio di Zaccheroni sulla panchina della Juventus, bloccata nel posticipo da una buona Lazio. La sequela dei risultati permette un ulteriore accorciamento della classifica in ottica Europa grazie alle vittorie di uno spettacolare Bari (salito a quota 32) e della ritrovata Sampdoria: che il calcio sia strano lo dimostra il fatto che la squadra di Del Neri si è rilanciata dopo l’esclusione di Cassano. Per il resto poco e nulla è cambiato. L’apparente immobilismo, nella zona salvezza, va a vantaggio del Livorno, del Bologna, dell’Udinese e della Lazio che raccolgono punti pesanti in trasferta. Diventa disperata la posizione del Siena in coda: ancora una volta la squadra di Malesani si batte alla grande e mette in grandissima difficoltà sul suo campo la squadra più in forma del campionato (la Roma), ma ancora una volta se ne torna a casa a mani vuote. La sorte sembra aver già deciso chi per primo dovrà lasciare la massima serie.

 

 

Le pagelle di Massimo Fontana

 

 

ABBIATI 6 - Mai impegnato se non per l'ordinaria amministrazione. Non può nulla sul gol di Lucarelli.
 
ABATE 6 - Spinge meno del solito. Poco impegnato in difesa ma, quando serve, chiude bene sugli inserimenti degli avversari.
 
THIAGO SILVA 6,5 - Tiene in gioco Lucarelli in occasione del gol, ma rimane sorpreso dal rinvio sbagliato da Favalli. Nel finale prova anche a spingere portando palloni in avanti, ma i suoi sforzi vengono vanificati da alcuni compagni.
 
FAVALLI 4 - Rinvia un facile pallone all'altezza del dischetto del rigore senza riuscire a mandarlo fuori dall'area creando così i presupposti per il gol toscano. Impreciso anche su alcuni semplici passaggi. Il più che discreto giocatore dello scorso anno, in questa stagione non si è mai visto.
 
ANTONINI 5,5 - Patisce la rapidità di Filippini ed abbocca ad una finta dello stesso in occasione del pareggio livornese, con l'aggravante di voltare le spalle all'avversario. Meglio in avanti anche se riduce il numero di incursioni rispetto a qualche partita fa.
 
FLAMINI 6,5 - Finalmente Leonardo gli offre un'occasione dal 1' minuto, anche se non riesce a giocare tutti i 90'. Mette in campo le sue qualità dinamiche e agonistiche non disdegnando la percussione centrale. Sostituito al 77'.
 
INZAGHI s.v. - Entra al 77' per aumentare la presenza di maglie rossonere in area avversaria senza riuscire ad incidere sul risultato.
 
AMBROSINI 7,5 - Migliore dei nostri. A parte il gol gioca una partita molto positiva in entrambe le fasi. Sempre pericoloso negli inserimenti e sempre generoso ed efficace in copertura.
 
BECKHAM 5,5 - E' giustamente famoso per i suoi traversoni tesi e tagliati, oggi sono quasi tutte parabole lente facili prede di Benussi. Per il resto solito contributo sulla sua fascia di competenza in aiuto ad Abate e Flamini.
 
SEEDORF 5,5 - E' evidente che deve ritrovare la forma ottimale. Qualche buon lancio ma una tendenza a trattenere troppo la palla con conseguente rallentamento del gioco e qualche pallone perso di troppo.
 
RONALDINHO 5,5 - Prende un palo sulla migliore azione di squadra di tutta la partita. Perde troppi uno contro uno anche se un paio di volte si inventa la giocata di classe. Nel finale smorza il forcing della squadra perdendo quasi tutti i palloni o crossando troppo sul portiere (vedi l'ultima azione dove, tra l'altro, manda a quel paese i compagni).
 
BORRIELLO 5,5 - Giornata poco brillante anche se ha l'attenuante della capocciata da commozione cerebrale dopo 20' e la troppa solitudine tra un nugolo di avversari. Sostituito nell'intervallo per la botta alla testa.
 
HUNTELAAR 6 - Entra nella ripresa e parte subito bene liberandosi al tiro e creando qualche grattacapo ai difensori avversari. Poi, piano piano, perde smalto fino a sparire dopo l'entrata in campo di Inzaghi...probabilmente la coppia peggio assortita tra le punte a disposizione di Leonardo in questa stagione.
 
LEONARDO 5 - Gli manca una seconda punta nel senso che proprio non c'è, vista l'indisponibilità di Pato. Forse sarebbe stato il caso di provare qualcosa di diverso da Beckham all'ala. In casa con il Livorno poteva anche riprovare Borriello largo con Huntelaar (o Pippo) in mezzo come nelle prime amichevoli estive. Concordo con la scelta di inserire in partenza Antonini e Flamini invece che Zambrotta e Gattuso come sembrava alla vigilia, mentre Abbiati per Dida lo avrei proposto indipendentemente dalle condizioni della schiena del brasiliano. Urge il rientro in squadra di Nesta e Pato.

MD in all World's language
 
MD in your language
MD em sua língua
MD dans ta langue
MD en su lengua
MD in Ihrer Sprache
MD 在您的語言
MD in uw taal
MD στη γλώσσα σας
あなたの言語の MD
당신의 언어에 있는 MD
MD в вашем языке
MD i ditt språk

Pubblicitá
 
Milan Day TIME
 
 

=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=