l'onore del toro


A qualcuno la corrida piace, ad altri no.
Alcuni la trovano una tradizione rispettabile e addirittura da difendere,altri un inutile spettacolo di crudeltà.
Ai giovani spagnoli sembra che essa interessi sempre di meno e addirittura alcune regioni (Catalogna) starebbero pensando a un divieto per questa discutibile esibizione.
Una vittoria per i tori, quindi.
Ma siamo sicuri?

L’altro giorno un amico, commentando questa notizia,  mi ha domandato : “E adesso che cosa faranno i tori?”
Un altro, spiritoso, ha risposto : “Quello che devono fare : occuparsi delle vacche”.
Ma la questione non e’ cosi’ semplice.
In Spagna ci sono molti piu’ tori di quanti ne servano per i soli scopi riproduttivi.
Tori particolari,da combattimento,come i mitici Miura.
Una volta abolita la corrida si smettera’ di allevare questa razza di tori.
Senza corrida si estingueranno.
Dal che si dedurrebbe che piu’ corride ci sono, piu’ tori sono allevati.
E’ gia’, direte voi, bella storia essere allevati per finire ammazzati in una Plaza.
In effetti.

Ma allora e’ meglio non nascere o nascere, combattere e morire?
Forse si potrebbe cercare di allevare tori da compagnia e da passeggio, ma temo sia un po’ difficile.
E poi, anch’essi alla fine dovrebbero morire.
Come i milioni di ovini, bovini e pennuti che alleviamo per la nostra tavola.
Quelli pero’ vengono ammazzati “pietosamente”.
Un colpo secco e via.
Insomma, come dice il saggio, “venire al mondo significa essere condannati a morte”.
E questo vale per i tori, ma anche per gli esseri umani.
Con in piu’ il fatto che nel nostro caso, sapendolo, ci tocca anche essere tristi 


MD in all World's language
 
MD in your language
MD em sua língua
MD dans ta langue
MD en su lengua
MD in Ihrer Sprache
MD 在您的語言
MD in uw taal
MD στη γλώσσα σας
あなたの言語の MD
당신의 언어에 있는 MD
MD в вашем языке
MD i ditt språk

Pubblicitá
 
Milan Day TIME
 
 

=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=