cosa resta di questa stagione?

L’annata si sta per chiudere, il terzo posto appare quasi scontato salvo suicidi, l’annata è stata abbastanza in linea con le possibilità del gruppo a disposizione di Leonardo.

Viene da chiedersi però che cosa resti di questa stagione un po’ atipica, iniziata con tanto scetticismo e conclusa con qualche rimpianto, in cui abbiamo vissuto picchi di gioia e di gioco spettacolare e momenti di depressione acuta ed autentica.

Quello che rimane, senza dubbio, sono due fuoriclasse come Thiago Silva e Pato, le due perle della rosa sulle quali provare a costruire il futuro, la stagione più che positiva di Antonini, l’affermazione come titolare indiscusso di Borriello, il recupero ad alti livelli di Sandro Nesta.
Accanto a queste certezze, si affiancano molte domande, dubbi, perplessità e problematiche.

L’alternanza tra i pali per tutta la stagione non è stata cosa buona, la discussa titolarità di Abbiati ancora meno, essendo Cristian il miglior portiere tra quelli a libro paga del Milan.

Le note positive e quelle stonate di Abate si sono alternate per tutto l’anno.
Il ragazzo ha corsa, gambe e voglia di sacrificarsi ma tutto questo non basta per affermarsi ad alti livelli.
Deve crescere tatticamente, migliorare il cross sia da fermo che in corsa, imparare a frenare alcuni suoi impeti fisici.

L’annata di Gattuso poi è stata grigia e anonima come non mai, Rino non è riuscito a dare quel contributo sia umano che tecnico che è sempre riuscito a garantire negli anni scorsi e in parabola discendente si segnalano anche Zambrotta e Inzaghi.

Double face l’annata di Ronaldinho.
Positiva come assist e gol ma infarcita di troppe pause e di troppi momenti di down atletico.

Flamini dal canto suo non è ancora riuscito a imporsi stabilmente tra i titolari, demeriti suoi senza dubbio ma una maggiore oculatezza nelle scelte da parte del tecnico non sarebbe cosa sgradita.

Il grande enigma che tormenta i tifosi del Milan sono le prospettive future di questa rosa, con troppi trentenni e troppi giocatori che hanno già dato il meglio della loro carriera.
Al momento non si intravede lo straccio di un progetto futuribile e di un’idea globale sul futuro del club.
La sensazione è che si proceda a tentoni senza preoccuparsi di ridare energie, forze fresche e linfa nuova a una rosa che è stata in questi anni spremuta in larga parte come un limone.

Il rinnovamento deve partire da quest’estate, non è più possibile rimandarlo.
Prendiamo il buono di quest’annata e lavoriamo su di esso, irrobustendolo e fornendogli adeguati supporti.
Occorre coraggio però.
Non è un problema di soldi ma di coraggio.
Un coraggio che bisogna trovare a tutti i costi


MD in all World's language
 
MD in your language
MD em sua língua
MD dans ta langue
MD en su lengua
MD in Ihrer Sprache
MD 在您的語言
MD in uw taal
MD στη γλώσσα σας
あなたの言語の MD
당신의 언어에 있는 MD
MD в вашем языке
MD i ditt språk

Pubblicitá
 
Milan Day TIME
 
 

=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=