28.02.10 Milan-Atalanta
POST MILAN-ATALANTA 3-1
 


E’ la conclusione di un altro splendido pomeriggio quello a cui abbiamo assistito oggi a San Siro, un pomeriggio cupo e ombroso da un punto di vista atmosferico, ma assolutamente sublime per quanto riguarda ciò che i Nostri sono riusciti a fare.
Certamente la prova dei Nostri Ragazzi non è stata qualitativamente superlativa e costante come al solito, ma il risultato e la sostanza sono quelli consueti, quelli che tanto ci piacciono e tanto ci fanno gioire.
Vinciamo 3-1 oggi contro una buonissima Atalanta che, come avevamo previsto, è venuta a San Siro per difendersi ma non disdegnando affatto la fase offensiva e le grandi qualità da parte dei suoi  singoli, che in determinati momenti hanno saputo rendersi anche decisamente pericolosi dalle parti di Christian Abbiati.
È una vittoria, questa, che ci consente di consolidare il Nostro piazzamento in classifica al secondo posto, visto il contemporaneo
pareggio della Roma sul campo del Napoli.
Venendo alla cronaca, Mister Leonardo schiera una formazione che ricalca quella che è uscita vincitrice dalla trasferta di Firenze mercoledì sera: Christian Abbiati fra i pali; la linea difensiva è composta da Daniel sulla destra, Sandro e Thiago Silva al centro della Nostra difesa e Janku a sinistra; il centrocampo è composto da David Beckham, Andrea Pirlo e Capitan Ambrosini che, quindi, recupera subito dopo la botta al polpaccio rimediata a Firenze. In avanti, invece, giochiamo con Alexandre Pato, Marcone Borriello e Ronaldinho.
L’inizio della partita, contrariamente a tutte le aspettative della vigilia, è a vantaggio della formazione allenata da Mutti, che prende in mano il gioco e che, pur non creando chissà quali grattacapi alla Nostra retroguardia, ha l’inerzia della partita tutta a suo favore: i bergamaschi, infatti, tengono molto bene il campo e approfittano di un inizio un po’ rallentato da parte dei Nostri, che non impongono al match il solito ritmo e la solita pericolosità.
L’Atalanta, pertanto, tiene molto bene il pallone e si muove molto in avanti, riuscendo a posizionarsi benissimo sul terreno di gioco.
I Nostri, sotto la stretta osservazione di Mister Leonardo, iniziano piano piano a tenere il possesso del pallone, anche se all’inizio la circolazione risulta essere un po’ lenta e sterile.
Le conclusioni, pertanto, stentano ad arrivare.
La prima vera palla gol, ad ogni modo, è per Noi e arriva sugli sviluppi di un calcio d’angolo: la palla viene toccata da Sandro Nesta e si alza, con il Nostro 80 che prova la rovesciata in piena area, ma la sfera non è angolata e Consigli respinge seppur con molto affanno.
È il preludio al gol Rossonero, che nasce al termine di un buonissimo momento della formazione atalantina: lancio fantastico di Becks da
50 metri a pescare Dinho, che stoppa in modo sublime col petto sulla linea dell’ out e poi si accentra.
Alle sue spalle c’è il Capitano, che viene servito col tacco dallo stesso numero 80 Rossonero. Ambro mette in mezzo e Patinho è appostato lì, pronto a raccogliere e a concludere in rete un pallone davvero difficile, che rimbalza davanti a Consigli, batte sul palo e poi finalmente si insacca: 1-0 per Noi.
I neroblù patiscono non poco il colpo del Nostro vantaggio, e i Nostri ne approfittano meravigliosamente dieci minuti dopo il gol dell’1-0, ovvero al minuto 40: ancora Dinho ad inventare, palla dentro ancora per Alexandre, che salta il portiere e poi viene anticipato da un difensore orobico, ma la sfera carambola sullo stinco di Pato e termina ancora in rete.
2-0 per Noi e quinto gol di Alexandre nelle ultime 4 gare.
Il primo tempo, di fatto, è tutto qui. Nella ripresa i Nostri entrano in campo per amministrare il vantaggio accumulato nel primo tempo, facendolo con grande intelligenza fino a quanto Valdes, che parte poco più avanti della linea mediana, lascia sul posto Becks e punta la Nostra area.
Il giocatore atalantino vince un decisivo rimpallo con Bonera e la palla gli si alza, il che porta a concludere lo stesso giocatore orobico sul palo più lontano, dove Abbia non può arrivare: 2-1 e partita assolutamente riaperta.
Tuttavia, i Nostri non si abbattono ma, anzi, trovano qualche minuto dopo la forza di chiudere definitivamente l’incontro: Bonera entra in area e viene steso irregolarmente da due difensori atalantini: calcio di rigore per Noi.
Dal dischetto si presenta Dinho, la cui conclusione però viene intercettata da Consigli.
Fortunatamente, la palla sfugge al giovane portiere orobico e termina sui piedi di Marcone Borriello, che da due passi non sbaglia: 3-1 per Noi.
Subito dopo il 3-1 la partita non ha più nulla da raccontare, se non per quanto riguarda le preoccupazioni relative alle condizioni di Alexandre, grandissimo protagonista odierno che è costretto a lasciare il terreno di gioco per un problema muscolare.
Speriamo nulla di grave per il Nostro 7.
La gara, poi, regala gloria ad Abbia, che risponde alla grande nelle altre conclusioni dei bergamaschi verso la Nostra porta.
3-1 per Noi dunque oggi a San Siro, una vittoria importantissima all’interno di un periodo altrettanto fondamentale e decisivo, che quindi dobbiamo continuare ad affrontare con grande determinazione.
Forza Ragazzi!
 
 
PRE MILAN - ATALANTA
.


Archiviata la settimana che ci ha visto uscire vincitori all’Artemio Franchi di Firenze, con tutte le polemiche che poi si sono susseguite a causa della mancata concessione del rigore a favore dei viola sul punteggio di 1-1 da parte dell’arbitro Rosetti, è tempo di isolarci assolutamente da tutto questo clima di tensione.
E’ un clima, questo, che si crea e che viene creato sistematicamente da alcune persone nel mondo del calcio, ma è al contempo un clima che non deve minimamente entrare né nella Nostra testa, né nelle Nostre gambe, che devono essere sempre toniche e reattive perché, da adesso in poi, ogni partita diventerà sempre più importante e decisiva sotto tutti i profili.
È fondamentale, dunque, pensare solo ed esclusivamente a Noi stessi, a preparare ogni partita come se fosse un’autentica finale, dando sempre tutto ciò che abbiamo in corpo. I sogni sono belli, devono esserci ed è lecito più che mai averli specialmente a questo punto della stagione, ma non dobbiamo minimamente lasciarci trasportare troppo: i sogni sono un qualcosa di bellissimo e di sublime, certamente, ma appartengono al mondo astratto.
C’è poi il concreto, la pratica, il campo: ed è lì che dobbiamo essere spietati e vogliosi di far continuare più che mai i sogni, perché altrimenti questi ultimi sarebbero destinati a rimanere tali.
La Nostra Squadra, dunque, deve rimanere con una soglia di concentrazione elevatissima, già a partire da domani quando, a San Siro, ci ritroveremo ad affrontare una formazione con assoluto bisogno di punti: l’Atalanta.
La stagione dei bergamaschi non è stata certo fra le più semplici, anzi: sono stati tre, infatti, gli allenatori che si sono susseguiti nel corso della stagione con l’obiettivo di risollevare le sorti di una stagione che, a tratti, sembrava già compromessa.
Inizialmente si era pensato di puntare sul giovane Gregucci, salvo poi passare all’altrettanto giovane Conte, per poi arrivare all’attuale mister bergamasco, ovvero Bortolo Mutti, allenatore ricco di esperienza e dotato di grandissima determinazione.
Un’Atalanta che, dunque, ha assunto diverse facce durante la stagione, ma che a prescindere da questo arriverà all’appuntamento contro il Milan al massimo della sua condizione psico-fisica.
La rosa a disposizione di mister Mutti, peraltro, è una di quelle che meritano un rispetto assoluto, essendo la stessa arricchita da diverse punte di diamante: si pensi al giovane portiere Consigli, a Cristiano Doni, Tiribocchi e Chevanton nel reparto avanzato.
Tutti giocatori che, insomma, sono sempre in grado di sfoderare delle prestazioni notevolissime in qualsiasi momento della partita.
La formazione neroblù, da un punto di vista tattico, si trova molto spesso in campo con un solido 4-4-1-1, che domani a San Siro avrà il compito specifico di chiudere sistematicamente qualsiasi possibile varco a Nostra disposizione, di tenere sotto stretta osservazione tutte le Nostre principali fonti di gioco, e di ripartire velocemente non appena conquistata palla, specialmente sulle corsie esterne.
Una tattica che la Nostra Squadra ben conosce, ma che si è ritrovata a pagare a carissimo prezzo già in due recenti circostanze, ovvero nelle partite contro Livorno e Bologna.
Anche nella gara d’andata, del resto, soffrimmo non poco la ottima fase difensiva attuata dall’allora squadra di Conte, che ci inchiodò su un 1-1 che, peraltro, riuscimmo ad agguantare per i capelli a cinque minuti dalla fine grazie al primo gol di Ronaldinho.
Certamente quel Milan è diametralmente opposto rispetto a quello attuale, così come il momento che la Squadra stava attraversando.
Ad ogni modo, la partita d’andata va tenuta in considerazione da un punto di vista tattico, in riferimento alla partita di fase difensiva che i bergamaschi riuscirono ad impostare e che, ne siamo certi, non si discosterà di molto da come gli uomini di Mutti interpreteranno la partita di domani.
Quanto a Noi, è chiaro che le vittoriose trasferte di Bari e Firenze ci conducono a questa sfida con il morale e l’autostima a mille, il che è indubbiamente importante alla vigilia di partite così difficili.
Tuttavia, le gare citate in precedenza, ossia quelle contro Livorno e Bologna, devono servirci come riferimento per analizzare ciò che non va assolutamente fatto: dovremo, infatti, cercare di impostare il Nostro gioco e la Nostra manovra con assoluta calma e con tanta pazienza, perché queste partite necessitano soprattutto di queste due doti.
D’altro canto, dovremo anche stare attenti a non concedere nessuna ripartenza ai neroblù, che sanno essere letali sia come velocità che
come finalizzazione, visti i giocatori di cui possono disporre.
In sostanza, dovremo essere in grado di giocare una partita completamente diversa da quelle contro Livorno e Bologna, anche e soprattutto per quanto riguarda la concentrazione, che deve essere feroce anche in queste circostanze.
Forza Milan!

MD in all World's language
 
MD in your language
MD em sua língua
MD dans ta langue
MD en su lengua
MD in Ihrer Sprache
MD 在您的語言
MD in uw taal
MD στη γλώσσα σας
あなたの言語の MD
당신의 언어에 있는 MD
MD в вашем языке
MD i ditt språk

Pubblicitá
 
Milan Day TIME
 
 

=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=