13.02.10 Milan-Udinese
POST MILAN-UDINESE 3-2

 
Che sofferenza Ragazzi!
E’ stata una serata molto intensa quella che abbiamo vissuto stasera a San Siro, una serata conclusasi certamente nel modo migliore, ovvero con una vittoria importantissima dei Nostri Ragazzi contro l’Udinese, ma arrivata al termine di una partita che ci ha tenuti col fiato sospeso fino al triplice fischio finale.
Era fondamentale riuscire a ripartire e sapevamo che non sarebbe stato facile, visto che l’avversario che avevamo di fronte è un
avversario davvero forte e che non merita assolutamente la posizione che occupa adesso in classifica.
Ad ogni modo, seppur soffrendo e restando con il patema d’animo, siamo davvero contenti di essere tornati alla vittoria e di arrivare nel migliore dei modi alla sfida di martedì.
L’unica nota stonata della serata è l’uscita anticipata dal campo sia di Mancini che soprattutto, in vista della Champions League, di Thiago Silva, che ha accusato un problema all’adduttore e che è in dubbio per la gara contro il Manchester.
Speriamo che tutto possa risolversi per il meglio per il Nostro 33.
Quanto alla cronaca della gara, Mister Leonardo decide di tornare al 4-3-3 vista anche l’assenza di Clarence Seedorf.
Giochiamo, quindi, con Nelson tra i pali; la linea difensiva è composta da Abate, Nesta, Thiago e Beppe Favalli sulla sinistra; il Nostro centrocampo è quello delle grandi Notti, quello delle storiche battaglie, quello composto, insomma, da Gattuso, Andrea Pirlo e il Capitano Massimo Ambrosini; in avanti, invece, partiamo con Mancini sulla destra e Ronaldinho sulla sinistra, mentre al centro del Nostro attacco c’è Klaas-Jan Huntelaar, che sostituisce Marcone Borriello rimasto ai box anche lui per un lieve risentimento muscolare. Il Nostro inizio di gara è subito quello giusto: la voglia, nella testa e nelle gambe dei Nostri giocatori c’è e si vede; i segnali di tutto questo sono la grande aggressività e l’ottimo pressing offensivo che i Nostri riescono a portare in fase di impostazione avversaria. Il gol arriva dopo soli 7 minuti: sugli sviluppi di un calcio d’angolo a Nostro favore la palla giunge sulla destra a Dinho, che si libera con una magia e mette in mezzo un pallone che più guardiamo e più ci sembra impossibile riuscire a mettere in mezzo.
Dal centro della Nostra area sbuca come un fulmine Klaas-Jan, che anticipa anche Handanovic e mette in rete il gol del Nostro vantaggio.
1-0 per Noi.
Come detto in apertura, subito dopo il Nostro vantaggio Amantino Mancini è costretto ad abbandonare il campo e, al suo posto, si rivede Alexandre Pato, il Nostro numero 7 che rientra dopo un mese e ventinove giorni dalla sua ultima apparizione ufficiale.
L’impatto sulla gara del Papero è subito quello giusto: grande velocità, corsa e dinamismo dal suo lato, nonché una pericolosità che, da quel lato, ci mancava proprio tanto.
Quanto all’Udinese, la formazione di De Biasi dimostra, dopo il gol del Nostro vantaggio, tutte le sue qualità e il modo in cui intende interpretare la partita: grande velocità nelle ripartenze, cambi di gioco frequenti e attaccanti esterni molto larghi che cercano di puntare costantemente Ignazio e Beppe sulle fasce laterali.
Tuttavia, nonostante le intenzioni chiare, la formazione bianconera non riesce praticamente mai ad impegnare severamente il Nostro portiere.
Le migliori azioni sono sempre le Nostre, e partono sempre dai piedi del Nostro 80, che scrive letteralmente poesia in campo stasera a San Siro.
È proprio dal suo piede che parte un lancio di prima intenzione in direzione di Patinho, che punta inesorabilmente la porta avversaria ma il pallone gli viene sporcato da un difensore friulano, la cui deviazione tuttavia è utile a saltare Handanovic e a mettere il Papero solo davanti alla porta, e il Nostro numero 7 non sbaglia: 2-0 per Noi.
A quel punto, proprio quanto l’Udinese stava tentando di riorganizzarsi, il primo tempo sembra ormai andato in archivio, ma ahinoi non è così: proprio all’ultimo istante della prima frazione di gioco, dalla sinistra Di Natale mette in mezzo un pallone insidiosissimo, sul quale Floro Flores si avventa in modo decisivo. Nelson sfiora la paratissima, ma la palla si insacca lo stesso alle sue spalle.
2-1 quindi al termine del primo tempo.
Nella ripresa i Nostri entrano in campo un po’ timorosi, prestando il fianco a qualche errore di troppo in fase di appoggio e consentendo quindi all’Udinese di avvicinarsi minacciosamente verso la Nostra area. Il Milan sembra essere troppo schiacciato
e incapace di reagire alla pressione della formazione di De Biasi.
Ma è proprio in quel momento che i Nostri conquistano una punizione importante nella metà campo avversaria: alla battuta va Dinho che scodella verso il centro, trovando la sponda di Ambro che gira all’indietro verso Huntelaar, il quale fulmina
letteralmente Handanovic e sigla il 3-1 per Noi, nonché la sua seconda doppietta con la Nostra Maglia.
A quel punto la gara sembra in discesa per i Nostri, che hanno anche sui piedi due ghiotte occasioni, con Rino prima e Patinho poi, per portarsi sul 4-1 e chiudere definitivamente l’incontro.
Invece, come accade spesso in questi casi, sul ribaltamento di fronte è l’ Udinese a farci male, segnando il gol del 3-2 con Di Natale al minuto 42 della ripresa, regalandoci così dei minuti finali di assoluta e totale apnea.
Per fortuna, però, le sortite offensive dell’Udinese non producono alcun effetto, e il fischio finale è un’autentica liberazione.
Come detto, questa è una vittoria fondamentale, che ci consente finalmente di rialzarci nel modo giusto in classifica e che ci proietta nel migliore dei modi ad una Notte importantissima, stupenda, una di quelle Notti che tanto ci sono mancate negli ultimi anni: in una parola sola, una grande Notte di Champions League.
Forza Ragazzi!!!

PRE MILAN - UDINESE



Rieccoci, dunque.
Rieccoci alla vigilia di un’altra importantissima e fondamentale tappa del Campionato di Serie A per quanto attiene alla Nostra Squadra, una tappa che precede di pochissimi giorni una delle partite più importanti di tutta la stagione in corso, ovvero la gara di andata degli Ottavi di Finale della Champions League a San Siro contro il Manchester United.
Ad ogni modo, ci sarà tutto il tempo a disposizione della Squadra per pensare e preparare il ritorno in Champions, perché bisognerà prima concentrarsi esclusivamente, anima e corpo, sul difficilissimo impegno di venerdì sera a San Siro contro l’Udinese.
E’ la terza volta che incontriamo i friulani nel corso di questa stagione, e nelle due volte precedenti la vittoria è sempre andata nella direzione opposta alla Nostra.
Sia in Campionato che nel recente incontro in Coppa Italia, infatti, la formazione bianconera è riuscita ad infliggerci due sconfitte dal sapore molto amaro, specialmente l’ultima arrivata a seguito di una grandissima prova dei friulani dentro il Nostro Stadio e costataci l’
eliminazione dalla competizione nazionale.
Tutti questi dati e gli ultimi risultati contro l’Udinese, pertanto, ci portano a dover affrontare questa partita con un approccio che (non è affatto un’esagerazione) deve perlomeno equiparare quello necessario alla gara contro lo United.
Abbiamo usato l’espressione perlomeno, in quanto, ove dovesse risultare necessario, dovremo essere in grado persino di superarlo. Quanto stiamo dicendo non è volto né a sopravvalutare l’avversario Udinese, né tantomeno a sottovalutare l’avversario Manchester United.
E’ solo ed esclusivamente un appello e un messaggio ben chiaro che vogliamo far passare alla Nostra Squadra, al suo cuore e alla sua
anima.
Vogliamo far passare questo messaggio proprio per far si che ci si possa avvicinare al ritorno in Champions League con la testa sgombra, con la consapevolezza di aver messo il giusto fieno in cascina prima di affrontare i Red Devils.
Riuscire a battere l’Udinese, pertanto, deve essere l’assoluta e unica priorità per i Nostri in questo preciso momento e quantomeno fino alle 22:40 di domani sera.
Tuttavia, riuscirvi non è e non sarà affatto cosa semplice, vista la grande forma fisica mostrata dalla formazione allenata da Gianni De
Biasi nelle ultime partite.
Basti pensare a domenica scorsa, proprio mentre i Nostri sbattevano costantemente contro il muro bolognese, i friulani battevano brillantemente il Napoli di Mazzarri, reduce da quindici risultati utili consecutivi.
Mattatore della domenica bianconera, inutile dirlo, Totò Di Natale, che con la sua tripletta ha messo fine ad ogni velleità partenopea.
Una squadra, dunque, che va rispettata in pieno e contro la quale occorrerà una grande, grandissima prestazione.
Quanto alle loro caratteristiche, c’è anche da dire che l’Udinese vanta una grande versatilità e adattabilità a diversi sistemi di gioco, dove i più utilizzati risultano essere il 4-4-2 e, soprattutto, il 4-3-3 che tanto ci ha fatto penare non più di due settimane fa
a San Siro.
Sebbene al loro centrocampo dovrebbe mancare, con ogni probabilità, il geometra D’Agostino, i friulani sono ben coperti da quelle parti grazie soprattutto a Inler, giocatore che abbina alla sua fisicità anche una buonissima tecnica che è stato capace di mostrare proprio in Coppa Italia contro di Noi, realizzando il gol della vittoria per i bianconeri.
Tornando per un attimo alla fase offensiva, vanno certamente tenuti in considerazione giocatori come Sanchez, Floro Flores e lo stesso Bernardo Corradi, oltre che al già citato Di Natale, giocatore dal valore indiscusso.
E’ una squadra veloce, rapida, che sa ribaltare velocissimamente il fronte di gioco e che sa rendersi pericolosa soprattutto con i suoi attaccanti esterni, abili ad allargare le difese avversarie e a creare la superiorità numerica proprio sulle corsie esterne.
Dovremo, pertanto, fare moltissima attenzione a come difendere in queste circostanze.
Per il resto, il momento dei Nostri non è, al contrario di quello dei bianconeri, esattamente favorevole, dati i due pareggi consecutivi contro Livorno e Bologna e, soprattutto, la sterilità del Nostro attacco proprio nelle ultime gare.
Mister Leonardo, quindi, avrà avuto molto da fare per quanto concerne la brillantezza e la capacità di creare palle gol, che sembriamo aver smarrito dopo il Derby.
Sarà fondamentale, tuttavia, riuscire a recuperare la Nostra consueta pericolosità da subito, da domani sera, perché in palio ci sono tre punti assolutamente fondamentali per i quali dovremo lottare fino all’ultimo istante!
Forza Milan!!!

MD in all World's language
 
MD in your language
MD em sua língua
MD dans ta langue
MD en su lengua
MD in Ihrer Sprache
MD 在您的語言
MD in uw taal
MD στη γλώσσα σας
あなたの言語の MD
당신의 언어에 있는 MD
MD в вашем языке
MD i ditt språk

Pubblicitá
 
Milan Day TIME
 
 

=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=